Il forte Verena

//Il forte Verena
Il forte Verena 2017-04-19T08:23:13+00:00

Al Forte Verena, posto ai 2015 metri della sommità dell’omonimo monte, è attribuito l’onore di aver sparato, alle ore 4 del 24 maggio 1915, il primo colpo di cannone sul fronte italiano. Sicuramente il miglior forte costruito dagli italiani, a prima vista solidamente attaccato alla montagna, ha avuto diversi soprannomi, il più famoso dei quali è “dominatore dell’Altopiano”. In effetti chi si reca oggi a visitarlo può rendersi ancora conto della sua importanza come centro di osservazione sulle linee allora nemiche: la piana di Vezzena si stende davanti con tutte le opere difensive austroungariche: il forte Spitz di Vezzena, il forte Verle, il Basson, il forte Luserna. In fondo lo sguardo spazia fino alle dolomiti di Brenta e all’Adamello. Armato con quattro cannoni da 149 A, i suoi tiri, pur disturbati dai venti degli alti spazi aperti, crearono problemi alle truppe imperiali e contribuirono a infliggere gravi danni ai forti austriaci Verle e Spitz Vezzena. Ma ciò durò poco. Il 12 giugno, a soli venti giorni dall’inizio delle ostilità, un proiettile di mortaio da 305, opportunamente messo in campo dagli austriaci per smantellare le opere fisse italiane, riuscì a penetrare nella fortezza e uccise il Cap. Marchetti assieme a 40 uomini. Dopo un’ora dall’accaduto, un ignoto capitano fece riprendere il fuoco dai quattro pezzi, ma, preso ormai sotto il fuoco di batterie ben nascoste, dopo qualche giorno il forte Verena venne abbandonato e utilizzato fino al 1916 come osservatorio. Con l’offensiva austroungarica del maggio 1916 cadde in mano nemica e tale rimase fino alla fine della guerra. Due lapidi oggi ricordano il sacrificio della guarnigione italiana.

Translate »